Strumenti personali
Logotipo di UniBa

Sezioni

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui:HomeDocentiCaputo Annalisa

Annalisa Caputo

foto-caputo.JPG


Telefono:       +390805714374 interno 4374
Fax:               N/D
Dipartimento: Dipartimento di Studi Umanistici (DISUM)
Email:            annalisa.caputo@uniba.it
Settore disciplinare:  M/FIL-01

La professoressa Caputo riceve generalmente il martedì dalle 9.30 alle 11.00. E' sempre meglio mandare prima una mail.  

IL CORSO DI DIDATTICA DELLA FILOSOFIA E' UTILIZZABILE ANCHE PER IL PERCORSO PF24.

Date di maggio (eventuali variazioni verranno prontamente segnalate su questa pagina):

Martedì 15, ore 11.15-12.45 (Auletta di italianistica);

Giovedì 17: ore 11.15-13.30, laboratorio linguistico (primo piano).

                   Pomeriggio: incontro 'Buone prassi' con i docenti SFI - Centro polifunzionale studenti - 15.30 / 18.30

Martedì 20 maggio, ore 11.15-12.45 (Auletta di italianistica);

Il programma del corso di Didattica della filosofia è stato modificato rispetto a quanto proposto originariamente, per venire incontro alle esigenze del PF24 e alle indicazioni del Decreto legislativo 616 del 10 agosto 2017, n. 616: Art. 3, allegato B.

Pertanto si prevede l'utilizzo dei seguenti testi e documenti:

1) Indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento in relazione alle attività e agli insegnamenti compresi nel piano degli studi previsto per i licei (MIUR, 2010): http://www.indire.it/lucabas/lkmw_file/licei2010/indicazioni_nuovo_impaginato/_decreto_indicazioni_nazionali.pdf

-  Allegato A: Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento, pp. 5-10.

-  Dall’allegato B: Filosofia: Linee generali e competenze. Obiettivi specifici di apprendimento, pp. 20-22.

2) Orientamenti per l’apprendimento della filosofia nella società della conoscenza (MIUR, ottobre 2017) – a cura del ‘gruppo tecnico-scientifico di Filosofia’ del MIUR: http://www.miur.gov.it/-/documento-orientamenti-per-l-apprendimento-della-filosofia-nella-societa-della-conoscenza 

3) Insegnare filosofia. Modelli di pensiero e pratiche didattiche, a cura di L. Illetterati, UTET, Torino, 2007: pp. IX-XXVII; 5-18 (Introduzione di L. Illetterati e saggio di E. Berti).

4) A. Gaiani, Il pensiero e la storia. L’insegnamento della filosofia in Italia, CLEUP, Padova, 2014, pp. 21-46; PP. 121-130; 218-225; 240-253.

5) R.M. Baldassarra, A. Caputo, F. De Natale, A. Mercante, Un pensiero in gioco. Storie, teorie ed esperienze di didattica ludica, Stilo, Bari, 2011, pp. 61-85; 93-132.

6) J. Rohbeck, Trasformazioni didattiche, in “Logoi.ph”, I, 1, 2015, pp. 147-160 (on line)

7) A. Caputo, Un insegnamento filosofico per competenze e competente? La Didattica della filosofia e l'Università. Alcune proposte, in “Logoi.ph”, III, 8, 2017, pp. 224-238 (on line)

8) M. Trombino, Gli esercizi di filosofia: una proposta di classificazione, in Filosofia per tutti. La filosofia per la scuola e la società del 2000, a cura di M. De Pasquale, Franco Angeli, Milano, 2001, pp. 247-313.

Il corso prevede laboratori pratici che serviranno da esonero parziale rispetto all'esame finale. 

Per i non frequentanti, in aggiunta:

E. Ruffaldi, Insegnare filosofia, Nuova Italia, Firenze, 1999

Filosofia per tutti. La filosofia per la scuola e la società del 2000, a cura di M. De Pasquale, Franco Angeli, Milano, 2001 (interamente).

A. Caputo, Per una rilettura ragionata dei recenti ‘Orientamenti per l’apprendimento della filosofia nella società della conoscenza’. Possibilità e criticità della proposte, in “Logoi.ph”, III, 9, 2017, pp. 425-450 (on line)

Si ricorda che quanti non hanno i due terzi di presenze sono in ogni caso tenuti a portare il programma da non frequentanti. Per eventuali dubbi è sempre bene contattare la Docente prima dell'esame. 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

LINGUAGGI DELLA FILOSOFIA

Il programma (effettivamente svolto durante il corso) di Linguaggi della filosofia 2017-2018 è il seguente: 

‘Essere e tempo’ di Heidegger (una qualsiasi edizione italiana; si consiglia, in ogni caso, la nuova ed. a cura di F. Volpi sulla versione di P. Chiodi, Longanesi, Milano): Nota preliminare e motto introduttivo; §§ 1-2; 4-6; 8-10; 12-15; 25-27; 29; 31-32; 34-41; 47-58; 60-62; 65; 68a; 72; 74-75; 79-81 (il trattino ovviamente indica da-a). 

Testi di supporto, obbligatori per gli studenti non frequentanti sono: 

- A. Caputo, Essere e tempo. Una interpretazione didattica, in  “Logoi.ph” (www.logoi.ph), III, 9, 2017, ‘Heidegger e i linguaggi’ (sezione: Didattica), tutte e otto le schede

- A. Fabris, Essere e tempo di Heidegger. Una introduzione alla lettura, Carocci, Roma, 2010

- C. Esposito, Introduzione a Heidegger, Il Mulino, Bologna, 2017 (fino a p. 93)

- A. Caputo, Pensiero e affettività. Heidegger e le ‘Stimmungen’ (1889-1928), F. Angeli, Milano, 2001

Inoltre gli studenti porteranno all'esame un percorso a scelta sul dialogo tra il linguaggio filosofico di Essere e tempo e gli altri linguaggi (arte, musica, cinema, poesia, ecc.), che potrà prendere

- o prendere spunto da quanto 'visto' e discusso durante le lezioni
- oppure potrà essere preso dal numero monografico della rivista: “Logoi.ph” (www.logoi.ph), III, 9, 2017, ‘Heidegger e i linguaggi’ (un saggio a scelta per i frequentanti; due a scelta per i non frequentanti). 


Si ricorda che quanti non hanno i due terzi di presenze sono in ogni caso tenuti a portare il programma da non frequentanti. Per eventuali dubbi è sempre bene contattare la Docente prima dell'esame. 

Azioni sul documento
Pubblicato il: 02/09/2013  Ultima modifica: 12/05/2018