Pedagogia generale ed interculturale

Nome docente Adriana Schiedi
Corso di laurea Scienze Giuridiche per l’immigrazione, i diritti umani e l’interculturalità (classe L/14)
Anno accademico 2019/2020
Periodo di svolgimento Primo e Secondo semestre
Crediti formativi universitari (CFU) 14
Settore scientifico disciplinare M-PED/01
Download Programma ecotapdf

Propedeuticità

Non prevista

Obiettivi del corso

Gli obiettivi principali del corso sono: - acquisire il lessico della disciplina pedagogica; - conoscere la genesi storica e l’identità attuale della pedagogia; - analizzare gli aspetti fondativi del sapere pedagogico; - conoscere le principali teorie di riferimento e i diversi modelli educativi del passato e del presente; - comprendere i nodi tematici all’ origine del dibattito che ha caratterizzato la pedagogia in relazione alle altre scienze dell’educazione; - riflettere criticamente sugli scenari attuali dell’educazione e sulle possibili linee di sviluppo e di intervento pedagogico; - riconoscere la centralità della persona nell’ indagine pedagogica; - conoscere i paradigmi fondamentali del pensare pedagogico e, tra questi, in particolare i quadri teorici del personalismo, della fenomenologia e dell’ermeneutica; - inquadrare il fenomeno migratorio in Italia e in Europa da un punto di vista socioeconomico e statistico, oltre che pedagogico; - affrontare il tema dell’intercultura partendo dalla terminologia e puntando ad una semplificazione definitoria; - comprendere il fenomeno della globalizzazione e le dinamiche dei flussi migratori; - conoscere il campo teorico e pratico della pedagogia interculturale; - riflettere sugli spazi della mediazione culturale; - riconoscere quali sono le premesse per la mediazione interculturale in Italia; - analizzare e progettare la ricerca sul campo nei contesti interculturali; - riconoscere l’importanza della scuola e dell’ extrascuola per l’inclusione; - riflettere sulla formazione dei migranti adulti come via per l’integrazione, l’inclusione, la partecipazione, la cittadinanza.

Programma

Il corso intende offrire, in una prima parte, un inquadramento essenziale della Pedagogia generale nei suoi aspetti teorici ed epistemologici fondamentali. Tale questione riguarda, nello specifico, la scientificità del suo discorso e, di rimando, la legittimità delle sue strutture ontologiche fondamentali, come pure delle sue articolazioni interne. Queste attengono, nel primo caso, alla morfologia complessa del sapere pedagogico, al suo oggetto (l’educazione/formazione) e ai suoi soggetti (soggetti della formazione), ai suoi saperi (della educazione, dell’istruzione e della formazione a più livelli e nei più differenti contesti), al suo lessico (le parole della pedagogia), ai suoi linguaggi (analitico-descrittivo, narrativo, retorico-persuasivo, del senso comune, della analogia/metafora), ai suoi ambiti (ricerca teorica, storica, sperimentale, ecc) e al suo metodo (quantitativo/qualitativo); mentre, nel secondo caso, alle sue specializzazioni interne (Pedagogia Sociale, Pedagogia speciale, Pedagogia Interculturale, Pedagogia della famiglia, Pedagogia della scuola, Pedagogia del lavoro, Docimologia, Didattica, ecc), alle sue prospettive (personalista, fenomenologica, ermeneutica, decostruzionista, ecc) e alla sua logica orientativo-progettuale. Successivamente il corso si focalizzerà sugli aspetti teorici e operativi della Pedagogia interculturale come risposta tra le più efficaci rispetto a fenomeni quali il pluralismo, la globalizzazione, la società multietnica e multiculturale. Una particolare attenzione sarà rivolta alla mediterraneità come valore sub specie educationis fondato sul primato dell’educazione, su incontro e confronto, migrazioni e interculturalità, xenia e filia, punti di forza per una teorizzazione educativa che indichi strade e processi tesi a recuperare il valore dell’umano e combattere la crisi che attanaglia il mondo occidentale.

Testi Consigliati

Parte istituzionale 

  • M. BALDACCI, Trattato di pedagogia generale, Carocci, Roma 2012. 
  • R. PAGANO, Mediterraneità e Sud. Culture e valori per una pedagogia mediterranea, Morcelliana, Brescia 2019 (in press). Parte monografica 

Un testo a scelta tra: 

  • R. PAGANO, Educazione e interpretazione, Nuova edizione, ELS – La Scuola 2018. 
  • A. SCHIEDI, Narrare la Bildung. L’itinerario pedagogico di Edith Stein, ELS - La Scuola, Brescia 2017. 


Testi di approfondimento

Il corso sarà supportato da esercitazioni teorico-pratiche che costituiranno parte integrante del programma d’esame. Per l’approfondimento di questa parte pratica vengono indicati qui di seguito alcuni testi da consultare a discrezione dello studente:

  • AA.VV., Competenze interculturali. Interventi nei settori scolastico-educativo, giuridico, aziendale, sanitario e della mediazione culturale, FrancoAngeli, Milano 2013. 
  • AA.VV., Pedagogia interculturale in Italia e in Europa, Vita e Pensiero, Milano 2003.
  • AA.VV., Educazione interculturale alla cittadinanza, Carocci, Roma 2008. 
  • FIORUCCI M., PINTO MINERVA F., PORTERA A. (a cura di), Gli alfabeti dell’intercultura, Edizioni Ets, Pisa 2017.
  • GIUSTI M., Teorie e metodi di pedagogia interculturale, Utet, Roma 2017 
  • GUIDETTI B., Educazione e pedagogia interculturale in azienda, FrancoAngeli, Milano 2008. 
  • NIGRIS E., (a cura di), Pedagogia e didattica interculturale, Pearson, Milano 2015. 
  • PORTERA A., Globalizzazione e pedagogia interculturale: interventi nella scuola, Erickson 2006. 
  • PORTERA A., LAMARCA A., CATARCI M., Pedagogia interculturale, La Scuola, Brescia 2015.

Modalità di accertamento conoscenze

  • Esoneri: No
  • Prova Scritta: No
  • Colloquio Orale: Si

Organizzazione della didattica

  • Lezioni frontali: Si
  • Cicli interni di lezione: Si
  • Corsi integrativi: No
  • Esercitazioni: Si
  • Seminari: Si
  • Attività di laboratorio: Si
  • Project work: No
  • Visite di studio: No

Azioni sul documento

published on 13/09/2017 ultima modifica 30/03/2020