Tu sei qui:Home / Organizzazione e Personale / Tirocini / Tirocinio - Lingue

Tirocinio - Lingue

Lo svolgimento del tirocinio è attività formativa obbligatoria; essa prevede che lo studente possa compiere dei periodi di formazione all’esterno che possano costituire una verifica pratica del proprio percorso formativo e delle competenze acquisite e inoltre possano costituire un contatto con il mondo produttivo. Ogni studente tirocinante è seguito nella struttura che lo accoglie da un tutor aziendale che ne certifica le presenze e i progressi e che produce una relazione finale; dal punto di vista didattico, lo studente è seguito da un tutor formativo. I risultati del tirocinio sono valutati a seguito di una relazione del tirocinante e di una del tutor aziendale che esprimono un giudizio, e sono certificate da attestati di frequenza. Entrambe sono poi esaminate dal tutor formativo che, dopo un eventuale colloquio con lo studente, valuta l’intero processo di formazione all’esterno.

Per la formazione all'esterno dello studente il Corso di Laurea si avvale di un Ufficio Tirocini, cui lo studente si rivolge all’Ufficio per ritirare la modulistica e per consegnare, alla fine del suo periodo di formazione all’esterno, la modulistica necessaria per la convalida dell’esperienza formativa. Il Dipartimento provvede a stipulare una lista di convenzioni con enti, associazioni, organismi del mondo produttivo e imprenditoriale congrui con il percorso formativo dei corsi di studio, in modo che lo studente abbia una scelta, il più ampia e congrua possibile, di luoghi dove poter espletare il suo percorso formativo all’esterno. 


Cos'è il tirocinio

 Il tirocinio formativo in aziende e istituzioni ha l’obiettivo di realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro e di agevolare l’acquisizione di conoscenze dirette sul mondo del lavoro e delle professioni secondo quanto previsto dal Decreto del Ministero del Lavoro n. 142/1998. L’esperienza diretta sul campo (hotel, agenzie di viaggio, Iat, prefetture, consolati, aziende di import-export, istituzioni scolastiche, agenzie di traduzione, biblioteche comunali, associazioni interculturali, onlus, uffici immigrazione) consente la sperimentazione concreta dei saperi disciplinari acquisiti nelle attività formative curriculari e mira a sviluppare, oltre alle capacità tecniche, le competenze progettuali e relazionali. Il tirocinio è obbligatorio.

Gli studenti possono scegliere i tirocini fra quelli proposti dal Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e Culture comparate, purché coerenti con il proprio progetto formativo.

Per attivare una nuova convenzione la struttura ospitante deve compilare il modulo della "Manifestazione di interesse" e inviarlo all'indirizzo di posta certificata del Dipartimento: 

Le convenzioni devono essere approvate dal Consiglio del Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e Culture comparate.

Il tutor della struttura ospitante compilerà una relazione finale di valutazione dell’attività svolta dallo stagista e dei risultati conseguiti.

Il tutor formativo, scelto precedentemente dallo studente tra i docenti del proprio corso di laurea, redigerà una valutazione conclusiva dopo la lettura della relazione del tutor della struttura ospitante e quella dello studente tirocinante.

  

Come fare per attivare un progetto

1. Lo studente può consultare la lista delle convenzioni attive del Dipartimento, e successivamente rivolgersi al referente amministrativo per regolarizzare l’attività da svolgere presso le sedi scelte.

2. Nella stessa occasione dovrà essere compilato il progetto formativo di tirocinio (prestampato dallo studente), in triplice copia. Il modulo dovrà essere firmato dal responsabile della struttura ospitante, dal Direttore del Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e Culture comparate, e dallo studente. Successivamente il referente amministrativo consegnerà allo studente tirocinante il materiale utile per ricevere i cfu finali: il diario delle presenze e i 3 moduli di relazioni finali (per lo studente, il tutor aziendale e il tutor formativo universitario).

3. A conclusione del tirocinio il tutor aziendale prepara una relazione sull’attività svolta, stessa cosa dicasi per lo studente tirocinante. A questo punto lo studente deve recarsi dal docente scelto prima di iniziare il tirocinio, per la compilazione della relazione finale.

4. Lo studente può quindi procedere alla consegna del materiale presso l'Ufficio Tirocini di Dipartimento, per la conseguente verbalizzazione dei CFU nell’ambito dell’attività svolta.  

Pubblicato il: 24/06/2016  Ultima modifica: 19/10/2018