Tu sei qui:Home

Dipartimento dell'Emergenza e dei trapianti di organi (D.E.T.O.)


 

Il Dipartimento Emergenza e Trapianti di Organi (D.E.T.O.) dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro ha sede nel Policlinico di Bari. Costituito da 20 Sezioni, ha come scopo principale la ricerca applicata ai trapianti di rene, fegato, cuore, pancreas e cellule staminali emopoietiche.

L'attività di ricerca è svolta in collaborazione con altre strutture universitarie, con l'industria farmaceutica, con la piccola e media industria che si interessa di biotecnologie applicate (device, organi artificiali, protesi e tessuti). Recentemente è stato attivato un servizio di telepatologia statica via internet. Il DETO ha stipulato convenzioni e scambi culturali con Università Europee e Nord-Americane per svolgere programmi di ricerca finanziati da istituzioni pubbliche e private, nazionali ed internazionali. L'attività di ricerca è finalizzata al miglioramento della didattica, per un'accurata formazione professionale degli studenti, specializzandi, dottorandi e assegnisti, e dell'attività clinica con l'uso di protocolli diagnostici e terapeutici. Ogni sezione specialistica del DETO cura differenti aspetti scientifici, didattici e clinici della propria branca. Particolare attenzione è rivolta anche alla ricerca scientifica in campo oncologico a seguito dell'elevata attività clinica svolta; pertanto alcuni programmi di ricerca applicano moderni ed avanzati approcci terapeutici (immunoterapia e vaccini).

Il personale docente del DETO svolge attività didattica nei corsi di laurea delle facoltà di medicina e chirurgia, medicina veterinaria, scienze biotecnologiche, nelle relative scuole di specializzazione e dottorati di ricerca.

Nell'ambito del DETO è presente il Centro Regionale Pugliese di Riferimento per i Trapianti di Organi - Policlinico di Bari – attività clinica che ha stretti rapporti con il territorio locale e non (Albania) per la realizzazione del programma trapianti della Regione Puglia.

Pubblicato il: 09/04/2008  Ultima modifica: 12/04/2018

Direttore

Francesco GIORGINO

 

Coordinatore

Delfina Maria Misuraca


Dove siamo

Piazza G. Cesare, 11 - Policlinico
70124 Bari
Ufficio Protocollo tel. +39 0805478614 (int. 6614)


PEC:

Le nostre notizie
Avvio attività progetto H2020 BlueBio ERA-NET “BESTBROOD” 22/09/2020
Policlinico di Bari: un "centro di eccellenza" per la cura dei pazienti ustionati 16/09/2020
Chirurgia robotica al Policlinico di Bari: installato secondo robot Da Vinci 14/09/2020
Concorso di Ammissione al Corso di Dottorato in Trapianti di Tessuti ed Organi e Terapie Cellulari XXXVI ciclo - Prova orale 10/09/2020
Policlinico di Bari: trapianto combinato fegato-rene su 57enne eseguito da quattro équipe del nostro Dipartimento 31/08/2020
Trapianto di rene su paziente sveglio eseguito dai medici dei Reparti di Urologia e Anestesia del Policlinico di Bari 18/06/2020
Speciale visita online organizzata dal Museo Faunistico Bernardo Terio per alcune classi della scuola primaria di Bari 12/06/2020
Prof. Francesco Giogino, Docente della Scuola di Medicina di Uniba, nella commissione nazionale PNR 2021-2027 08/06/2020
Il gruppo di ricerca della Sezione di Ematologia e Trapianto di Cellule Staminali Emopoietiche pubblica un importante articolo sulla prestigiosa rivista Leukemia 14/05/2020
Dottorato di Ricerca in "Trapianti di Tessuti ed Organi e Terapie Cellulari": piano di studi XXXVI Ciclo 19/04/2020
Policlinico di Bari: eseguito doppio trapianto di reni, salvate due vite 30/03/2020
Trapianto 'cross over' di rene eseguito al Policlinico di Bari dal prof. Michele Battaglia 27/02/2020
Irisina: estensione del brevetto anche negli Stati Uniti 13/11/2019
Urologia, al Policlinico di Bari la prima protesi organica al mondo 13/11/2019
Short Master in "Ecografia Pratica in Medicina Veterinaria dei Piccoli Animali" 25/10/2019
Altre notizie…
Servizi Uniba
Servizi forniti da Uniba

I seguenti link permettono di:

1) Accedere, anche da casa, alle risorse bibliografiche

2) Inserire una mail secondaria di 'soccorso' per il recupero password

3) Inviare file 'pesanti' con la limitazione di un file alla volta e che non abbia suffisso .exe

In tutti i casi saranno chieste credenziali di accesso: sono le stesse del cedolino paga o della mail istituzionale.