Tu sei qui:Home / Notizie ed Eventi / Notizie / Papà dona il rene a figlio disabile. Tra i primi interventi del genere al mondo

Papà dona il rene a figlio disabile. Tra i primi interventi del genere al mondo

Policlinico di Bari - Trapianto di rene su disabile - Centro Regionale Trapianti - Nefrologia Prof. Loreto Gesualdo - Urologia Prof. Michele Battaglia

Articolo tratto da Repubblica Bari

Papà dona il rene a figlio disabile: stanno bene entrambi. "Tra i primi interventi del genere al mondo"


Al Policlinico di Bari l'operazione con un'equipe di 64 professionisti coinvolti per salvare un ragazzo di vent'anni affetto da un deficit cognitivo grave associato a sordità e cecità e con una fortissima fobia degli aghi.


Un rene per continuare a vivere. È salvo grazie alla generosità del padre che gli ha donato l'organo e allo straordinario intervento che ha coinvolto 5 equipe e 64 professionisti del Policlinico di Bari un ragazzo diversamente abile di 20 anni.

Il giovane con un'insufficienza renale, affetto da un deficit cognitivo grave associato a sordità e cecità e con una fortissima fobia degli aghi, è stato sottoposto a un delicatissimo trapianto di rene da vivente. Si tratta di uno dei primi casi in Italia di trapianto su una persona con grave disabilità.

Il ragazzo, seguito prima a Roma, era approdato successivamente al Policlinico di Bari dove aveva cominciato il trattamento dialitico. Ma la fobia degli aghi - il ragazzo, che interagisce con il mondo esterno attraverso il tatto, è in grado di sentire l'avvicinarsi di un ago - ha reso indispensabile procedere con il trapianto. Così è stato studiato un protocollo di gestione del paziente, per le fasi pre-chirurgica, chirurgica e post-chirurgica, che ha messo insieme equipe di anestesisti, rianimatori, urologi, immunologi e nefrologi.

Sono stati 64 i professionisti che si sono occupati del caso. Proprio a causa dell'intolleranza agli aghi il ragazzo è stato addormentato e tenuto in narcosi per quattro giorni e ricoverato in rianimazione. Sottoposto a trapianto di rene, donato dal papà, il 20enne si è risvegliato e sta bene. E, a sorpresa dopo l'intervento, sembra adesso tollerare meglio gli aghi e i prelievi. A breve sarà dimesso dall'ospedale e potrà tornare a casa.

"L'intervento effettuato dai professionisti del Policlinico di Bari è un evento eccezionale - spiega il coordinatore regionale del Centro regionale trapianti e direttore della Nefrologia del Policlinico di Bari, Loreto Gesualdo - si tratta di uno dei pochi trapianti su una persona disabile sordo-cieca fatti nel mondo, sono casi rarissimi. Siamo molto emozionati e orgogliosi di aver offerto a questo ragazzo una speranza di vita. Vogliamo celebrare questo risultato alla vigilia della Giornata internazionale delle persone con disabilità che ricorre il 3 dicembre con un messaggio forte di rispetto: il giovane paziente è una persona, non un disabile, un malato che merita di essere trattato come chiunque altro e di ricevere anche lui un trapianto. Oltre allo straordinario impegno di tutto il Policlinico, a rendere possibile l'intervento è stato il forte amore della famiglia e del papà che pur di vedere il figlio soffrire meno ha offerto una parte di se stesso".

Per il direttore del Centro nazionale trapianti Massimo Cardillo "questo intervento è la riprova che la rete trapiantologica mette sempre al centro il paziente: lo dimostra il grande numero di professionisti che ha preso in carico questo ragazzo. Grazie al lavoro del Policlinico di Bari oggi possiamo dire che il trapianto diventa sempre di più un'opportunità terapeutica alla portata di tutti quelli che ne hanno bisogno".

"In questo momento in cui sembra esistere solo il Covid qui al Policlinico di Bari abbiamo realizzato un'eccezionale operazione di squadra - commenta il direttore del Centro trapianti rene e dell'unità operativa di Urologia del Policlinico di Bari, Michele Battaglia - il diritto alla salute non è solo quello dei pazienti Covid ma anche di chi ha altre patologie non Covid che non possiamo dimenticare. Oggi celebriamo con convinzione il diritto universale alla salute: tutti hanno diritto all'assistenza sanitaria senza distinzioni. Per noi medici ci sono solo pazienti, tutti uguali, tutti con gli stessi diritti". 

"Alla vigilia della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità - che ha lo scopo di promuovere, proteggere e assicurare il pieno ed uguale godimento dei diritti e di tutte le libertà da parte delle persone con disabilità -, poter apprendere e raccontare il risultato di questo straordinario intervento dà concretezza alle parole con un'azione che ha messo la persona al centro - commenta il presidente della Lega del Filo d'Oro Rossano Bartoli - La Lega del Filo d'Oro da oltre 55 anni è punto di riferimento in Italia per le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali e le loro famiglie e ne promuove e difende i diritti, per garantire loro una vita dignitosa. Il risultato ottenuto dall'equipe e dai professionisti del Policlinico di Bari deve essere motivo di orgoglio per tutti e la Lega del Filo d'Oro si sente vicina alla famiglia e continuerà ad offrire il suo supporto a quanti ne avranno bisogno. Il diritto all'inclusione nella società delle persone con disabilità dovrebbe essere una priorità di tutti".

Pubblicato il: 04/12/2020 

Direttore

Francesco GIORGINO

 

Coordinatore

Delfina Maria Misuraca


Dove siamo

Piazza G. Cesare, 11 - Policlinico
70124 Bari
Ufficio Protocollo tel. +39 0805478614 (int. 6614)                protocollo.deto@uniba.it 


PEC:

Le nostre notizie
PROROGA SCADENZA - AVVISO DI SPONSORIZZAZIONE per la Ricerca di Sponsor per Finanziare il Progetto CoRReRE (Consulenza Remota Reumatologica Regionale) 29/01/2021
AVVISO DI SPONSORIZZAZIONE per la Ricerca di Sponsor per Finanziare il Progetto CoRReRE (Consulenza Remota Reumatologica Regionale) - Responsabile Scientifico del Progetto: Prof. Florenzo Iannone 16/12/2020
Raro tumore alla tiroide, al Policlinico di Bari intervento salva vita su una paziente 65enne 04/12/2020
Papà dona il rene a figlio disabile. Tra i primi interventi del genere al mondo 04/12/2020
Avvio attività progetto H2020 BlueBio ERA-NET “BESTBROOD” 22/09/2020
Policlinico di Bari: un "centro di eccellenza" per la cura dei pazienti ustionati 16/09/2020
Chirurgia robotica al Policlinico di Bari: installato secondo robot Da Vinci 14/09/2020
Concorso di Ammissione al Corso di Dottorato in Trapianti di Tessuti ed Organi e Terapie Cellulari XXXVI ciclo - Prova orale 10/09/2020
Policlinico di Bari: trapianto combinato fegato-rene su 57enne eseguito da quattro équipe del nostro Dipartimento 31/08/2020
Trapianto di rene su paziente sveglio eseguito dai medici dei Reparti di Urologia e Anestesia del Policlinico di Bari 18/06/2020
Speciale visita online organizzata dal Museo Faunistico Bernardo Terio per alcune classi della scuola primaria di Bari 12/06/2020
Prof. Francesco Giogino, Docente della Scuola di Medicina di Uniba, nella commissione nazionale PNR 2021-2027 08/06/2020
Il gruppo di ricerca della Sezione di Ematologia e Trapianto di Cellule Staminali Emopoietiche pubblica un importante articolo sulla prestigiosa rivista Leukemia 14/05/2020
Dottorato di Ricerca in "Trapianti di Tessuti ed Organi e Terapie Cellulari": piano di studi XXXVI Ciclo 19/04/2020
Policlinico di Bari: eseguito doppio trapianto di reni, salvate due vite 30/03/2020
Altre notizie…
Servizi Uniba
Servizi forniti da Uniba

I seguenti link permettono di:

1) Accedere, anche da casa, alle risorse bibliografiche

2) Inserire una mail secondaria di 'soccorso' per il recupero password

3) Inviare file 'pesanti' con la limitazione di un file alla volta e che non abbia suffisso .exe

In tutti i casi saranno chieste credenziali di accesso: sono le stesse del cedolino paga o della mail istituzionale.