Dottorato di Ricerca in: “Diritti, Economie e Culture del Mediterraneo”

Criteri di valutazione della prova concorsuale per il 38° ciclo - a.a. 2022/2023

 

Descrizione e obiettivi formativi 

In virtù della sua ‘natura’ multidisciplinare, il corso di dottorato, persegue l’obiettivo di far acquisire ai dottorandi “competenze trasversali” di elevata specializzazione giuridico-economica e socio-formativa in una pluralità di ambiti di ricerca quali:

  • gestione ambientale
  • ecologia industriale
  • sviluppo sostenibile
  • tutela della persona e del territorio
  • diritto ed economia del mare
  • identità/differenze e criticità/prospettive dello spazio culturale del Mediterraneo

anche attraverso periodi di studio/formazione all’estero presso Istituzioni universitarie convenzionate. 
A tal fine, le molte attività curricolari – prevedendo, da un lato, la piena acquisizione della padronanza di lingue straniere (in particolare di quella inglese) e, dall’altro, l’apprendimento delle abilità informatiche necessarie per lo svolgimento delle attività di ricerca – consentiranno ai futuri dottori di ricerca di inserirsi con successo in qualità di ricercatori nelle Università, negli enti di ricerca pubblici e privati e nei ruoli dirigenziali delle istituzioni pubbliche e private (nazionali e internazionali) che richiedono elevate competenze specialistiche e interdisciplinari.

Settori scientifico disciplinari:
Area 11 (M-Ped-01);
Area 12 (IUS/01, IUS/02, IUS/03, IUS/04, IUS/05, IUS/06, IUS/07, IUS/10, IUS/11, IUS/12, IUS13, IUS/16, IUS/17, IUS/21);
Area 13 (SECS-P/01, SECS-P/06, SECS-P07, SECS-P/08, SECS-P11, SECS-P13, SECS-S/01)

Durata: 3 anni

Azioni sul documento

pubblicato il 17/04/2018 ultima modifica 21/12/2022