Gestione del lavoro nelle pubbliche amministrazioni

Employment Law and Management in Public Administrations

Scheda informativa


  • Anno accademico: 2012/2013
  • Scadenza presentazione domande di ammissione:  prorogata al 22 febbraio 2013
  • Tipologia concorso: per titoli ed esami
  • Costo: € 3.000,00 + € 4,13 contributo assicurativo
  • Struttura proponente: Dipartimento di Scienze politiche
  • Settore scientifico disciplinare: IUS/07
  • Livello master: secondo
  • Crediti: 60 CFU
  • Lingua: italiano
  • Durata: annuale - 1.500 ore
  • Presenza/Distanza: in presenza
  • Frequenza obbligatoria: 80%
  • Presenza/Distanza: in presenza
  • Numero partecipanti: minimo 20 - massimo 35
  • Annotazioni:

 

Documentazione allegata


 

La scadenza per l'accettazione delle domande di iscrizione è fissata per le ore 12,00 del giorno 13/5/2013, con decorrenza 2/5/2013.

 

 

Coordinatore


 

Caratteristiche ed obiettivi


Il corso è destinato a laureati che già lavorano o aspirano a lavorare alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni. Per entrambi il Master rappresenta un'importante occasione non solo per incrementare le proprie conoscenze, ma anche per accrescere la capacità di utilizzazione degli strumenti giuridici necessari per confrontarsi con i processi di riforma. Il percorso didattico individua, infatti, attraverso una progettazione modulare, i principali nodi problematici nella gestione dei soggetti che cooperano nell'ambito di organizzazioni complesse e che rappresentano i destinatari finali di ogni intervento normativo. In particolare il Master, per la sua strutturazione, si presenta come idoneo a completare il bagaglio formativo indispensabile per il dipendente pubblico, poiché fornisce elevate competenze giuridiche e gestionali.

  

Titoli di accesso


  • LAUREE ANTE D.M. 509: Tutti i corsi
  • CLASSI DELLE LAUREE SPECIALISTICHE D.M. 509: Tutte le classi
  • CLASSI DELLE LAUREE MAGISTRALI D.M. 270: Tutte le classi

 

 

Requisiti preferenziali per l'ammissione


La Commissione esaminatrice ha a disposizione per la valutazione di ciascun candidato 50 punti, 30 dei quali per la prova di ammissione e 20 per i titoli.
Saranno inseriti nella graduatoria finale i candidati che otterranno nella prova di ammissione una valutazione non inferiore a 18/30.
I titoli valutabili sono i seguenti:

  • votazione conseguita nell'esame finale di laurea, fino ad un massimo di punti 5: - punti 0,35 a partire da voti 99/110 e, in progressione, ulteriori punti 0,35 per ogni ulteriore voto di laurea, sino a voti 110/110 - punti 5 per il 110/110 con lode. Nel caso in cui il candidato sia in possesso di più diplomi di laurea, la Commissione prenderà in considerazione, ai fini dell'attribuzione del
    suddetto punteggio, il titolo conseguito con miglior votazione.
  • eventuali altri titoli, fino ad un massimo di 15 punti: - 0,50 punti, fino ad un massimo di 5 punti, per ogni anno di attività di lavoro, subordinato o autonomo, svolto presso o a favore di soggetti pubblici o privati nell'area della gestione del personale e/o delle relazioni sindacali; - 1 punto per ogni ulteriore diploma di laurea oltre il primo già valutato; - 1 punto, fino ad un massimo di 3 punti, per ogni diploma conseguito presso corsi di perfezionamento, specializzazione e master, organizzati da sedi universitarie riconosciute, in area giuridica (IUS); 0,50 punti se in altre aree; - 0,50 punti, fino ad un massimo di 2 punti, per ogni corso di formazione, aggiornamento, perfezionamento e specializzazione in area giuridica (IUS) purché di durata non inferiore a 60 ore di
    didattica frontale; 0,25 punti se in altre aree; - 0,50 punti, fino ad un massimo di 2 punti, per ogni pubblicazione ove allegata e pertinente alle tematiche del Master; - 0,50 punti, fino ad un
    massimo di 2 punti, per ogni altro titolo pertinente alle tematiche del Master.

 

published on 01/03/2013 ultima modifica 09/05/2022

Azioni sul documento