COSTRUZIONI IMPIANTI NAVALI E MARINI I

Nome docente D'Alessandro Antonio
Corso di laurea Scienze e Gestione delle Attività Marittime
Anno accademico 2016/2017
Periodo di svolgimento Primo semestre
Crediti formativi universitari (CFU) 6
Settore scientifico disciplinare ING-IND/02
E-mail

antonio.dalessandro.marina.difesa.it;

Download Programma pdf

 


Propedeuticità

Nessuna.

Obiettivi specifici del corso

Far acquisire ai frequentatori la conoscenza degli elementi geometrici della  carena di  una  nave  e  delle  principali problematiche strutturali della  stessa  e le conoscenze generali sulla struttura di taluni impianti di bordo,  sulla logica di funzionamento, sull’interpretazione degli schemi  tecnici  e sulle principali manutenzioni.

Particolare attenzione è  dedicata, al  fine  del  raggiungimento degli obiettivi dell’apprendimento, alle esercitazioni di taglio pratico,  alla  discussione,  all’interpretazione  e all'approfondimento critico  dei  risultati delle  conoscenze acquisite in via teorica

Programma

 

Classificazione dei mezzi navali: in base al sistema di sostentamento – in base alla funzione.
Geometria della nave e cenni di statica
Scafo, opera  viva e opera  morta Perpendicolare avanti,  addietro e al mezzo Definizioni delle parti che costituiscono una nave
Piano di costruzione. Carene  simili e carene affini
Lunghezza, larghezza, altezza di costruzione e immersione.
Rapporti tra dimensioni lineari, di superficie e di volume dello scafo.
Coefficienti  di finezza
Parametri che influenzano la stabilità di una nave
Compartimentazione stagna.
Nomenclatura navale
Struttura trasversale
Struttura longitudinale
Struttura trasversale/longitudinale
Materiali metallici impiegati in campo  navale
Acciai, leghe, materiali compositi
Tecnologia  delle costruzioni
Elementi di carpenteria metallica (lamiere, profilati, squadre, piattabande)
Madieri, paramezzali, paratie stagne, elementi stagni,  depositi,basamenti
Strutture speciali
Strutture di prora, poppa, locale A.M., sovrastrutture, ponte  di volo
Impianti antincendio e antifalla
Il collettore antincendio
EE/PP antincendio e grande esaurimento, la regolazione EE/PP e motopompe barellabili
Impianti fissi e semifissi  antincendio Impianti fissi e semifissi  d’esaurimento Impianti propulsione e generazione energia Sistema propulsivo con motori termici Diesel Sistema propulsivo con turbine a gas e vapore  Sistemi combinati: codog, codag, cogag, cosas Giunti, riduttori, linee assi ed eliche
Produzione, trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica
Caratteristiche degli impianti elettrici navali
Centrali elettriche e loro assetti 
Impianto presa  da terra
Impianti scafo
Impianto timoneria e relativo  telecomando
Produzione e distribuzione dell’aria compressa B.P e A.P.
Produzione e distribuzione dell’acqua dolce
Il condizionamento dell’aria
Trattamento acque nere
Depurazione acque oleose

Testi consigliati

“Dispensa di Costruzioni ed impianti navali e marini” - Mariscuola Taranto Edizione settembre 2012.

Risultati di apprendimento appresi

I risultati di apprendimento attesi riguardano:
- L'acquisizione della metodologia necessaria per l'apprendimento e la padronanza della disciplina;
- Lo sviluppo della capacità di lavoro in modo autonomo sia individuale, sia in gruppo;
- Lo sviluppo della capacità di studio critico e di argomentazione per condividere, confrontare e mettere in discussione     le proprie idee e quelle altrui.

Cambi di Corso

 Non vi sono altri corsi tra i quali effettuare cambi.

Frequenza

Consigliata

Metodi e materiali didattici

Il corso si sviluppa attraverso lezioni frontali relative agli aspetti della disciplina rilevanti ed indispensabili per il raggiungimento degli obiettivi formativi specifici dell'insegnamento e globali del corso di studio. La didattica frontale è supportata da seminari, esercitazioni, esperienze di taglio pratico.
Nel corso delle lezioni sono utilizzati vari strumenti per il miglioramento della didattica quali, ad es., presentazioni in power point proiettate in aula, schemi, indicazioni bibliografiche e quant'altro ritenuto utile per il miglioramento dell'efficacia della didattica.

Modalità di verifica

La prova finale del profitto relativa all'insegnamento si svolge in forma scritta e/o orale e la valutazione è espressa con un voto in trentesimi, con eventuale lode.
Ulteriori verifiche  del profitto sono  effettuate durante il corso. Esse sono relative agli argomenti trattati a lezione e sono articolate sotto forma di questionari caratterizzati da domande aperte e/o  a risposte multiple, esercizi. Di esse potrà tenersi conto nella valutazioni intermedie.
I criteri  per la valutazione della prova  orale tengono conto  della correttezza dei contenuti, della chiarezza argomentativa e delle capacità di analisi  critica e di rielaborazione.

Studenti Erasmus

 Non sono previsti programmi specifici per gli studenti Erasmus.

Assegnazione tesi

Gli studenti interessati richiedono al docente la tesi  mediante compilazione di apposito modulo disponibile presso  la segreteria didattica,  dopo   il  superamento  dell’esame  finale   di  profitto relativo  all'insegnamento con congruo anticipo

Azioni sul documento

published on 14/07/2015 ultima modifica 25/09/2016