Sbocchi professionali

Art. 4 - Codifiche Istat delle professioni, profili professionali, funzioni in un contesto di lavoro, competenze associate alle funzioni e sbocchi occupazionali

 

Codifiche Istat delle professioni

 

1. Specialisti in risorse umane - (2.5.1.3.1)

2. Esperti nello studio, nella gestione e nel controllo dei fenomeni sociali - (2.5.3.2.1)

3. Specialisti in scienza politica - (2.5.3.4.3)

4. Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze politiche e sociali - (2.6.2.7.2).

 

Profili professionali

Esperto in relazioni internazionali ed europee

 

Funzione in un contesto di lavoro

L’esperto in relazioni internazionali ed europee svolge attività di analisi e valutazione degli effetti delle politiche anche economiche e delle normative internazionali ed europee sugli attori istituzionali, sugli operatori economici e sugli individui. Monitora gli eventi dello scenario internazionale ed europeo per valutare le modalità di attuazione più opportune per l’organismo di cui tutela gli interessi. Programma e monitora progetti ed attività nell’ambito di processi di democratizzazione, peace-buiding e tutela dei diritti individuali nel contesto della cooperazione internazionale ed europea. Rappresenta e mantiene relazioni tra l’organismo di appartenenza e organismi stranieri, internazionali e dell’Unione europea.

 

Competenze associate alle funzioni

Ottima conoscenza della lingua inglese e di almeno una seconda lingua straniera; approfondite conoscenze in ambito geopolitico, giuridico, storico, politologico ed economico con respiro internazionale; ottime capacità di interazione con esperti di altri ambiti come il diritto e l’economia; problem-solving; ottime capacità negoziali; ottime abilità comunicative.

 

Sbocchi occupazionali

- Organizzazioni non governative a vocazione internazionale;

- Uffici a proiezione internazionale di organizzazioni ed enti pubblici e privati;

- Organizzazioni che si occupano della promozione e della tutela dei diritti umani;

- Pubbliche Amministrazioni (come ministeri, regioni o comuni, in cui l’esperto trova idonea collocazione nell’ambito di uffici che mantengono relazioni di respiro internazionale o rapporti sistematici con l’Unione europea);

- Università ed enti o istituti di ricerca pubblici e privati, compresi i centri di studi.

 

Funzionario di relazioni internazionali

 

Funzione in un contesto di lavoro

Le figure professionali rientranti in questa categoria svolgono attività di tutela e di promozione degli interessi di cui è portatrice l’Organizzazione di appartenenza. A seconda delle competenze assegnate loro nel contesto dell’Organizzazione di riferimento possono svolgere compiti di analisi, monitoraggio, valutazione, assistenza, intermediazione e negoziazione relativamente a uno o più settori di carattere economico, giuridico, politico. Possono essere responsabili o coordinatori di iter amministrativi o di attività di progettazione o esecuzione di programmi internazionali e/o europei.

 

Competenze associate alla funzione

Ottima conoscenza della lingua inglese e di almeno una seconda lingua straniera; approfondite conoscenze in ambito giuridico, storico, politologico ed economico; ottime capacità di interazione con esperti di altri ambiti come il diritto e l’economia; ottima padronanza di strumenti di analisi e pianificazione strategica; problem-solving; grandi capacità negoziali; ottime abilità comunicative.

 

Sbocchi occupazionali

Funzionario di organizzazioni internazionali quali, ad esempio, l’Unione Europea (nel cui ambito è possibile accedere con concorso a diverse Istituzioni come la Commissione europea, il Consiglio dell’Unione o il Parlamento europeo oltre che a specifiche agenzie), le Nazioni Unite e i suoi Istituti specializzati, l’Organizzazione mondiale del commercio.

 

Funzionario della carriera diplomatica

 

Funzione in un contesto di lavoro

I funzionari associati a tale categoria professionale svolgono attività diplomatiche nelle sedi preposte all’estero (ambasciate, consolati e istituti di cultura italiani) o negli uffici centrali del Ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale. Un’ulteriore possibilità di svolgimento di tale funzione deriva anche dall’istituzione del Servizio europeo per l’azione esterna dell’Unione europea.

 

Competenze associate alla funzione

Ottime conoscenze dell’inglese e di altre lingue straniere, ottime competenze nell’ambito giuridico in particolare del diritto internazionale e dell’Unione europea, dell’ambito storico in particolare delle relazioni internazionali, degli ambiti economico, geopolitico, geografico, politologico e sociale necessarie ad accedere tramite concorso pubblico alla carriera diplomatica per svolgere mansioni politiche e/o amministrative specifiche delle distinte figure professionali del contesto della diplomazia.

 

Sbocchi occupazionali

Servizio diplomatico della Repubblica Italiana (si accede tramite concorso).

Servizio europeo azione esterna dell’Unione europea (si accede tramite concorso).

Azioni sul documento

published on 29/05/2023 ultima modifica 29/05/2023