Tu sei qui:Home / Iscriversi / Presentazione del corso / Sbocchi professionali

Sbocchi professionali

Linguisti e filologi

funzione in un contesto di lavoro:

Il laureato in Filologia moderna possiede capacità di scrittura e attitudine alla comunicazione linguistica, che gli consentono di intervenire nella redazione di testi di vario genere (dalla pubblicità alla politica, dal saggio critico all'articolo giornalistico, sino a testi propriamente tecnici).

Possiede inoltre particolare competenza nello studio della tradizione testuale italiana ed europea ed è capace di integrare le metodologie tradizionali con le moderne acquisizioni dell'informatica in ambito umanistico.

Può insegnare la lingua e la letteratura italiana (l’accesso all’insegnamento è subordinato all’acquisizione dei crediti nei settori scientifico-disciplinari previsti dalla normativa ed alla abilitazione da conseguirsi secondo quanto stabilito dalla legge).

Può insegnare la lingua italiana in istituzioni di cultura, anche all'estero.

In ambito editoriale svolge funzioni relative alla progettazione culturale, nonché i compiti propri della redazione editoriale, inclusa quella on-line/web. Può essere impiegato, anche con funzioni di responsabilità, nell'ambito del mercato librario.

Le peculiarità della sua formazione lo rendono figura duttile che può facilmente inserirsi in campi lavorativi collegati all'industria culturale e all'editoria, e nell'ambito delle politiche culturali.

 

competenze associate alla funzione:

  1. Insegnamento della lingua e letteratura italiana.
  2. Redattore di testi.
  3. Collaboratore nella progettazione e organizzazione di convegni e di attività culturali in ambito editoriale, artistico (musei, esposizioni), letterario.
  4. Ideazione e organizzazione di pagine web e strumenti elettronici in ambito umanistico.

 

sbocchi professionali:

1. I Laureati in Filologia Moderna possono prevedere come sbocco lavorativo l'insegnamento nella scuola secondaria di primo e secondo grado, una volta completato il processo di abilitazione previsto dalla legge.

 

2. I laureati in Filologia moderna potranno svolgere funzioni anche di elevata responsabilità in settori quali:

- industria culturale ed editoriale;

- redazioni giornalistiche e ambito pubblicitario;

- istituzioni specifiche, come archivi di stato, biblioteche, sovrintendenze, centri culturali, fondazioni;

- organismi e unità di ricerca presso enti ed istituzioni, pubbliche e private, sia italiane che straniere;

- enti ed aziende pubblici, privati e del terzo settore che valorizzano, conservano e promuovono il patrimonio artistico letterario e linguistico,

- redazioni di dizionari, enciclopedie, opere dell'ingegno;

- progetti relativi a risorse linguistiche elettroniche.

I laureati possono essere impiegati nelle librerie, nelle redazioni editoriali e possono essere inseriti in istituzioni sia pubbliche che private che promuovono la vita culturale.

 

Redattori e revisori di testi

funzione in un contesto di lavoro:

Il laureato in Filologia moderna possiede capacità di scrittura e attitudine alla comunicazione linguistica, che gli consentono di intervenire nella redazione e revisione di testi di vario genere (dalla pubblicità alla politica, dal saggio critico all'articolo giornalistico, sino a testi propriamente tecnici).

In ambito editoriale svolge funzioni relative all'editing e alla revisione dei testi, curando l'intero ciclo di lavorazione tecnico-letteraria del libro o di prodotti multimediali

 

competenze associate alla funzione:

- Editor anche di testi on line

- Revisore di bozze

- Ideazione e organizzazione di pagine web

 

sbocchi professionali:

I laureati in Filologia moderna potranno svolgere funzioni in settori quali:

- industria culturale ed editoriale;

- redazioni giornalistiche e ambito pubblicitario

- redazioni di dizionari, enciclopedie, opere dell'ingegno;

- progetti relativi a risorse linguistiche elettroniche.

 

Operatori culturali nell'ambito dell'industria editoriale e libraria.

funzione in un contesto di lavoro:

I laureati in Filologia Moderna lavorano alla descrizione, diffusione e commercio dei beni librari, intesi come patrimonio culturale da mettere a disposizione del più largo numero di utenti. Tra le loro competenze vi è dunque anche il servizio di consulenza bibliografica ad alto livello offerto agli utenti connessi con istituzioni e imprese presso cui esercitano la loro attività; la progettazione di eventi connessi alla divulgazione di contenuti culturali di alto livello; la leadership di gruppi di lavoro su specifici progetti legati alla conservazione e condivisione dei beni librari; l'organizzazione di eventi culturali legati al mondo delle librerie, delle fiere librarie, dei festival di letteratura, parchi letterari, ecc.


competenze associate alla funzione:

I laureati in Filologia Moderna possiedono capacità di comunicazione scritta e orale, che consente loro di intervenire all'interno di una rete di rapporti tra diverse istituzioni garantendo chiarezza, trasparenza ed efficacia nelle azioni di pubblicizzazione di iniziative, progetti ed eventi. Hanno una specifica competenza sulle lingue e le letterature moderne, nonché una solida preparazione sulla lingua latina, non solo classica, ma anche medievale e umanistica, sui meccanismi di tradizione letteraria italiana ed europea, ma anche sulla storia delle arti figurative, dell'editoria e dell'industria libraria medievale, moderna e contemporanea, e più in generale sui processi culturali dell'Europa moderna. 
Sanno partecipare a, gestire e organizzare lavori di gruppo, e progettare percorsi di formazione ed eventi culturali di alto livello, nonché condurre una ricerca originale nell'ambito delle letterature moderne e della trasmissione dei testi.


sbocchi occupazionali:

I laureati in Filologia Moderna possono accedere alle seguenti professioni:
- Figure di alto profilo all'interno di istituzioni specifiche, come centri culturali, fondazioni, istituti di cultura in Italia e all' estero;
- Dirigente nella progettazione e organizzazione di convegni e di attività culturali, che pertengano specificatamente alla valorizzazione del patrimonio librario e letterario, e in generale storico, presso archivi e biblioteche, enti ed aziende pubblici, privati e del terzo settore che valorizzano, conservano e promuovono i beni culturali.

 

Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT)

  1. Scrittori e poeti - (2.5.4.1.1)
  2. Dialoghisti e parolieri - (2.5.4.1.2)
  3. Redattori di testi per la pubblicità - (2.5.4.1.3)
  4. Redattori di testi tecnici - (2.5.4.1.4)
  5. Linguisti e filologi - (2.5.4.4.1)
  6. Revisori di testi - (2.5.4.4.2)
  7. Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche - (2.6.2.4.0)

 

Pubblicato il: 21/07/2014  Ultima modifica: 05/06/2017