Tu sei qui:Home / Blog Interculturale del CAP / Identità uguale appartenenza (ma a cosa?)

Identità uguale appartenenza (ma a cosa?)

Alla base di un processo identitario c'è un sentimento di appartenenza: i membri di una comunità condividono idee, pensieri, abitudini e tradizioni, lingua e prossemica, attraverso cui si consolidano i legami sociali e si favorisce la costruzione del senso di identità sociale, etnica, religiosa, culturale, di genere.

L’appartenenza funziona come una categoria di pensiero le cui implicazioni emotive-cognitive regolano i rapporti tra persone e gruppi.

L’esistenza di un gruppo presuppone un processo di autodefinizione e di eterodefinizione. Il senso di appartenenza cioè, permette al gruppo di erigere un muro, definire un confine simbolico che ha il compito di separarli e distinguerli da chi è all’esterno del gruppo.

Paradossalmente, dice il canadese Charles Taylor, è proprio l’esistenza degli altri ciò che consente al gruppo di rimanere coeso e di conservare le proprie caratteristiche distintive. Un gruppo quindi, è anche l’esito di un processo di costruzione sociale delle differenze: i concetti di razza o di gruppo etnico sono costruiti socialmente. 

L’identità è espressione di stabilità, è il parametro a cui non si può rinunciare se non si vuole essere emarginati ovvero considerati diversi, esterni al gruppo tanto che l’estremizzazione del senso di appartenenza, che poi degenera nel razzismo, è dovuta proprio alla paura di perdere i propri punti di riferimento. Succede anzi che l'origine culturale dell'identità, generando un orizzonte di precarietà e instabilità, sia proprio ciò che fa  nascere il bisogno e il sentimento di appartenere ad un gruppo, e di essere accettato da quel gruppo. 

Ma appartenere non è una definizione immobile. Come ci evolviamo noi, così cambia il gruppo di appartenenza. E' cioè sbagliato pensarlo uno schema rigido, un’etichetta stampata su un contenitore sempre uguale a se stessa nel tempo quando invece la lista degli ingredienti è sempre differente. 

All rights reserved

Pubblicato il: 16/03/2020  Ultima modifica: 23/03/2020