Tu sei qui:HomeStudentiSegreterie studentiSegreterie amministrativeTrasferimenti e passaggi di corso

Trasferimenti e passaggi di corso

Le domande di trasferimento presso l’Università di studenti provenienti da altra Università e le domande di passaggio di Corso di studi sono subordinate ad approvazione da parte del Consiglio di Classe di destinazione, che valuta, sentito il parere del Consiglio didattico interessato, l’eventuale riconoscimento totale o parziale della carriera di studio fino a quel momento seguita, con la convalida di esami sostenuti e crediti acquisiti, e indica l’anno di Corso al quale lo studente viene iscritto e l’eventuale debito formativo da assolvere.
 
Quando un Corso viene totalmente riconosciuto, il numero di crediti attribuito è pari a quello previsto per quel Corso nella struttura didattica in cui lo studente si trasferisce, indipendentemente dal suo valore nella struttura di provenienza. Gli adempimenti per il riconoscimento parziale possono essere fissati nei Regolamenti didattici.

Nelle more dell’approvazione della richiesta di trasferimento, gli studenti sono ammessi a frequentare i corsi e a sostenere i relativi esami che saranno convalidati soltanto quando il trasferimento sarà stato accettato. Il trasferimento verso un Corso di laurea per il quale non è prescritta la prova di ammissione, richiesto da uno studente iscritto al primo anno di corso è disposto automaticamente; nel caso in cui l’iscrizione al Corso richiede prova di ammissione, il trasferimento sarà possibile soltanto dopo il superamento di tale prova.

In relazione alla quantità di crediti riconosciuti, la durata del Corso di studi può essere abbreviata dal Consiglio di Classe e, su parere del Consiglio di Corso di Studi, secondo criteri stabiliti dai Regolamenti didattici. Il riconoscimento da parte dell’Università di crediti acquisiti presso altre Università italiane o straniere può essere determinato in forme automatiche da apposite convenzioni approvate dal Senato Accademico; tali convenzioni potranno inoltre prevedere la sostituzione diretta, all’interno dei curricula individuali, di attività formative impartite nell’Università e richieste dagli Ordinamenti didattici con attività formative impartite presso altre Università italiane o straniere.

I cittadini italiani, anche se già in possesso di un titolo di Laurea o di Laurea specialistica, e gli studenti iscritti a Corsi di studio presso Università straniere, possono iscriversi, dietro il pagamento di contributi stabiliti dagli Organi accademici competenti, a singoli corsi di insegnamento attivati presso i Corsi di studio di ogni livello presenti nell’Università, nonché essere autorizzati a sostenere le relative prove d’esame e ad averne dalla Segreteria Studenti regolare attestazione, utilizzabile per scopi professionali o concorsuali per i quali sia richiesto un aggiornamento culturale e scientifico o un particolare perfezionamento delle competenze acquisite.
Azioni sul documento
Pubblicato il: 13/10/2006  Ultima modifica: 02/08/2013