Tu sei qui:HomeStudentiIndicatore Situazione Economica Equivalente - ISEE

Indicatore Situazione Economica Equivalente - ISEE

Certificazione ISEE

Con l'entrata in vigore delle disposizioni del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013 n. 159 e del Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali 7 novembre 2014, dal 1° gennaio 2015 sono previste nuove regole di calcolo dell'ISEE e nuove procedure di rilascio delle attestazioni.



I contributi universitari sono commisurati alla situazione reddituale e patrimoniale propria e del nucleo familiare dello studente risultante dall'ultima dichiarazione presentata.

I contributi vengono calcolati in riferimento alla certificazione I.S.E.E. (Indicatore Situazione Economica Equivalente) Università del nucleo  familiare. Al momento di richiesta, a un qualsiasi CAF/CAAF del calcolo dell’ISEE, viene rilasciata la RICEVUTA con numero di protocollo ATTESTANTE LA PRESENTAZIONE DELLA DSU, che non contiene alcun valore.

E' importante attivarsi tempestivamente per la richiesta dell’ISEE PER PRESTAZIONI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO.

Lo/la studente/ssa deve tener conto che non occorre attendere la nuova dichiarazione dei redditi, perché è sufficiente l'ultima dichiarazione presentata, fatti salvi i valori mobiliari, da determinarsi al 31 dicembre dell'anno precedente alla presentazione della dichiarazione sostitutiva. 
Quando ci si rivolge al CAF/CAAF si deve chiedere espressamente l’Attestazione ISEE per prestazioni per il diritto allo studio universitario. 
In relazione alla Ricevuta Protocollo Telematico D.S.U., l’Università procede all’acquisizione massiva dei valori I.S.E.E. dalla banca dati dell’INPS e di conseguenza determina i contributi dovuti da ciascun studente/ssa in relazione allo scaglione e alla relativa fascia di appartenenza.

La Segreteria On Line ESSE3 acquisisce telematicamente il valore I.S.E.E. Universitario dalla banca dati INPS. Detto valore consentirà allo studente di confrontarlo con il dato in suo possesso oltre che a determinare l’importo dovuto a titolo di contribuzione in relazione al rispettivo scaglione e fascia di riferimento.

 

Azioni sul documento
Pubblicato il: 10/08/2012  Ultima modifica: 13/07/2016