Tu sei qui:HomeDipartimentoCos'è il dib

Cos'è il dib

Il Dipartimento di Informatica è nato nel 1984, inizialmente come Istituto di Scienze dell'Informazione, per impulso di quello stesso nucleo di docenti dell'area elettronica, cibernetica e informatica, che aveva avviato nel 1970 un indirizzo di studi (secondo corso attivato in Italia dopo Pisa nel 1969) denominato Corso di Laurea in Scienze dell'Informazione.

Obiettivo delle attività di ricerca applicata, sviluppo e trasferimento di tecnologie del Dipartimento di Informatica dell'Università degli Studi di Bari è il sostegno al processo di passaggio dalla odierna realtà verso la società dell'Informazione e delle Comunicazioni.
Le azioni strategiche nel breve-medio periodo sono mirate al recupero dell'efficienza e dell'efficacia degli strumenti di sostegno alla ricerca scientifica, attraverso la valorizzazione dei risultati.
Sono azioni volte a rafforzare la ricerca di base ed applicata in Informatica e hanno la finalità di stimolare la ricaduta di tali studi nella riqualificazione di imprese, favorendo la applicazione dei risultati in settori quali:

  • la gestione di sistemi informativi distribuiti per il controllo del territorio,
  • la costruzione e la manutenzione di software applicativi attraverso tecnologie innovative di ingegneria del software adeguate alla piccola-media impresa,
  • lo sviluppo di sistemi cooperativi orientati al commercio elettronico, al business intelligence e all' e-learning,
  • la gestione ottimale di reti di comunicazione attraverso il miglioramento dei processi di accesso all'informazione e di ritrovamento della conoscenza,
  • il miglioramento dell'interazione uomo-calcolatore.

La strategia del Dipartimento si sviluppa su tre assi principali:

  • la ricerca avanzata per lo studio, lo sviluppo e la applicazione di nuovi metodi e tecniche informatiche,
  • il trasferimento tecnologico attraverso progetti di sviluppo in collaborazione con esterni, per garantire il flusso continuo dei risultati della ricerca dalla università verso i fruitori e per permettere l'utilizzo delle tecnologie emergenti,
  • la formazione universitaria attraverso corsi di primo livello, di livello specialistico e di dottorato per assicurare la preparazione di studiosi e di tecnici adeguati a sostenere lo sviluppo tecnologico.
Azioni sul documento
Pubblicato il: 27/01/2014  Ultima modifica: 28/01/2014